Quale trattamento è più efficace per le vene varicose degli arti inferiori

Il trattamento delle vene varicose degli arti inferiori può essere conservativo e chirurgico, a seconda del grado di abbandono della patologia. Inoltre, la terapia per la malattia dovrebbe essere completa.

Questo può includere:

  • Uso di medicinali;
  • indossa calze a compressione graduata;
  • aderenza alla dieta, mantenimento del normale peso corporeo;
  • Rispetto del regime di lavoro e riposo;
  • Eliminazione del sollevamento di carichi pesanti, permanenza prolungata sui piedi;
  • trattamento chirurgico.

Trattamento conservativo delle vene varicose degli arti inferiori

Nelle fasi iniziali, le vene varicose degli arti possono essere trattate in modo conservativo. All'inizio della malattia, può essere trattato con un massaggio, che normalizza la circolazione sanguigna nelle gambe. Ma solo un professionista dovrebbe farlo, altrimenti farà più male che bene.

Previene la progressione della patologia indossando biancheria intima compressiva. In caso contrario, puoi avvolgere le gambe con bende elastiche.

Cause, sintomi e trattamento delle vene varicose

Il trattamento domiciliare può essere effettuato con farmaci prescritti da un medico. Può essere fluidificante del sangue, farmaci analgesici e antinfiammatori, complessi vitaminici e minerali. Unguenti speciali che alleviano l'affaticamento, rafforzano le pareti dei vasi sanguigni, riducono il rischio di coaguli di sangue, normalizzano la funzione delle valvole venose e promuovono la guarigione delle ulcere trofiche.

È importante che modifichi la tua routine quotidiana. Non è raccomandato per le persone con vene varicose:

  • siedi o stai in piedi per molto tempo;
  • prendere il sole;
  • visitare bagni e saune;
  • fa sport di squadra;
  • attività fisica eccessiva;
  • indossa corsetti e biancheria intima attillata;
  • uso di contraccettivi orali;
  • consumare cibi salati, piccanti, fritti, bevande ad alto contenuto di caffeina;
  • fumo;
  • mangiare troppo, aggiungere chili in più.
Massaggio ai piedi per il trattamento delle vene varicose

Ti sarà utile:

  • Per lunghe passeggiate, incluso salire le scale, si consiglia di camminare fino a tre chilometri al giorno.
  • Attività sportive come nuoto, sci, ciclismo (in combinazione con calze a compressione).
  • Una dieta a base vegetale arricchita con acido ascorbico. Si consiglia inoltre di includere nel menu prodotti lattiero-caseari fermentati e frutti di mare.
  • Pediluvio a contrasto.

I rappresentanti delle professioni "in piedi" devono eseguire 15 rotoli dal tallone ai piedi ogni mezz'ora. Se è possibile durante il giorno, riposare per 15 minuti ogni 3 ore in posizione orizzontale con le gambe leggermente sollevate.

Chiunque stia seduto al lavoro tutto il giorno dovrebbe tenere le gambe dritte, cioè non piegare le ginocchia e metterle su una piccola collina. Dovresti anche alzarti e camminare per 5 minuti ogni 30 minuti.

Durante il sonno notturno, così come durante il giorno guardando i programmi e leggendo la stampa, è auspicabile che gli arti inferiori siano sollevati di 15-20 cm. È preferibile riposare nei paesi temperati, ma una vacanza ai tropici non sarà vantaggiosa.

Metodi e regole per il trattamento delle vene varicose

Inoltre, possono essere utilizzati metodi alternativi per il trattamento delle vene varicose. Aumenta il tono vascolare e normalizza i bagni circolatori con camomilla, erba di San Giovanni, celidonia e corteccia di quercia. Decotti di erbe, presi internamente, aiutano a fluidificare il sangue e ad accelerare il flusso sanguigno.

Questi possono essere:

  • fiori e frutti di biancospino;
  • coni di luppolo;
  • trifoglio giallo dolce;
  • Liquirizia e radici di angelica.

Le compresse con succo di agave, miele, olivello spinoso e olio d'oliva aiutano a curare le ulcere trofiche.

Terapia chirurgica

Nonostante i metodi di terapia conservativa esistenti, il trattamento chirurgico rimane il metodo più efficace. I moderni interventi chirurgici consentono non solo di sbarazzarsi del quadro clinico della malattia, ma anche di evitare il rischio di sviluppare varie complicanze.

Esistono diversi tipi di tecniche chirurgiche per sconfiggere la patologia.

Flebectomia venosa combinata

La flebectomia combinata per il trattamento delle vene varicose è stata utilizzata per oltre un secolo. L'essenza dell'operazione è la seguente: la vena malata viene legata e rimossa.

A seconda della forma della patologia, viene praticata un'incisione a livello dell'inguine o del cappuccio popliteo e la vena centrale viene tagliata nel punto in cui scorre nelle vene profonde e quindi completamente rimossa.

Obliterazione laser endovascolare delle vene degli arti inferiori

Lo scopo del trattamento laser è "incollare" la vena danneggiata senza rimuoverla ulteriormente poiché si dissolverà nel tempo. Gli interventi chirurgici vengono eseguiti in sale operatorie appositamente attrezzate sotto il controllo delle condizioni delle vene malate e del flusso sanguigno in esse.

Questo metodo viene confrontato in termini di efficacia con la flebectomia combinata. Poiché non ci sono incisioni nella pelle e tutte le manipolazioni vengono eseguite attraverso piccole forature, c'è un breve periodo di riabilitazione dopo e non ci sono praticamente complicazioni. Dopo l'operazione, il paziente viene tenuto in una struttura medica per un massimo di 24 ore e quindi dimesso a casa. La procedura stessa può essere eseguita utilizzando vari tipi di anestesia. A volte gli anestetici locali da soli sono sufficienti. Dopo aver completato l'operazione, il paziente non avverte alcun dolore e non necessita di analgesici.

Dopo la procedura, è necessario indossare calze a compressione e monitorare lo stato del flusso sanguigno con l'aiuto di USDG.

Eliminazione della vena a radiofrequenza

Un altro metodo di flebectomia alternativo è l'obliterazione venosa a radiofrequenza. Sotto l'influenza delle onde radio, la vena danneggiata si riscalda e si attacca, dopodiché si ispessisce e si dissolve. È anche un intervento traumatico che viene eseguito senza anestesia generale e senza ricoverare il paziente in ospedale. E dopo l'operazione, può immediatamente iniziare a condurre il suo abituale stile di vita.

Scleroterapia

L'essenza del metodo è iniettare una sostanza speciale nella vena danneggiata, che aderisce alle sue pareti e poi la assorbe nel corpo. Questo metodo di trattamento non è efficace come la terapia laser o con onde radio, ma non è inferiore alla flebectomia classica.

Una sostanza sclerotica viene iniettata in una vena attraverso una puntura. Viene quindi indossato un indumento compressivo e si consiglia al paziente di camminare per un'ora. Poiché il farmaco viene iniettato direttamente nella vena, i tessuti adiacenti non ne risentono e le complicanze si vedono raramente dopo la scleroterapia.

Attualmente ci sono molte opzioni per il trattamento delle vene varicose. Prima si inizia la terapia, più efficace sarà. Pertanto, ai primi segni della malattia, non dovresti posticipare la visita dal medico.

02.03.2021