Quale intervento chirurgico per rimuovere le vene varicose è preferito - come è la rimozione delle vene varicose

Tipi di trattamento chirurgico per le vene varicose

Le vene varicose sono un processo patologico che colpisce le vene, interrompendo la loro normale struttura e assottigliandone le pareti.

Questa malattia generalmente non è fatale, ma quando viene avviato questo processo può diventare un problema molto serio.

Necessità dell'operazione

La necessità di un intervento chirurgico può essere determinata solo da un medico sulla base di un esame dell'intero organismo. Quando la malattia inizia sempre più ad affrontare i suoi sintomi, le pareti delle vene iniziano ad allargarsi, è necessario chiedere consiglio.

È meglio non rifiutare l'operazione proposta. In molti casi, questo può essere l'unico modo per sbarazzarsi delle vene varicose.

Indicazioni per un'operazione

Ci sono indicazioni speciali per un'operazione per rimuovere le vene varicose, che possono spingere il medico curante a suggerire un'operazione:

  • vene varicose estese;
  • vene varicose patologiche eccessivamente grandi;
  • segni luminosi di drenaggio del sangue (gonfiore e grave stanchezza delle gambe);
  • tromboflebite acuta;
  • ulcere trofiche.

Controindicazioni per un'operazione

Esistono anche controindicazioni alla rimozione delle vene varicose, in presenza delle quali qualsiasi operazione è strettamente controindicata. Questi includono quanto segue:

  • il paziente è troppo vecchio;
  • fase avanzata dello sviluppo della malattia;
  • processi infettivi con complicazioni;
  • problemi cardiaci ischemici;
  • ipertensione acuta;
  • Presenza di gravi malattie della pelle (piodermite, eczema, erisipela e altri);
  • gravidanza.

Se il trattamento chirurgico non è possibile, il medico cerca metodi alternativi di influenza che possano influenzare e curare la malattia.

Quali vene normalmente richiedono un intervento chirurgico?

Ogni persona ha un sistema venoso che può essere condizionatamente suddiviso in superficiale, profondo e comunicativo e collega i due precedenti.

La maggior parte del flusso sanguigno passa attraverso le vene profonde e solo il 10% circa viene deviato nelle vene sottocutanee.

Anche così, sono quelli che possono essere colpiti dalle vene varicose. Se sulla superficie della pelle compaiono protuberanze estese e i sintomi diventano molto luminosi, può essere necessario un intervento chirurgico

Preparazione per la procedura

Durante l'operazione vengono rimosse le vene danneggiate dalle vene varicose.

Va notato che non vi è alcuna interruzione del normale flusso sanguigno, quindi non ha senso aver paura dell'operazione.

Di norma, le tracce scompaiono dopo essere scomparse entro pochi mesi.

Di regola, non è necessario preparare molto tempo prima dell'intervento chirurgico per rimuovere le vene varicose.

Vengono effettuati gli esami necessari per identificare le condizioni del corpo.

Il chirurgo deve essere informato in anticipo sulle possibili allergie a vari farmaci e su quale farmaco è stato assunto durante la settimana.

Immediatamente prima dell'operazione, fare la doccia e radersi l'arto su cui deve essere eseguita.

Tipi di operazioni

Qualsiasi intervento chirurgico per rimuovere le vene varicose, non importa quanto diverso, contiene lo stesso elenco di controindicazioni e prescrizioni per l'intervento.

Le principali differenze sono nel modo di esecuzione, le caratteristiche e le differenze.

Flebectomia

Come viene eseguita una flebectomia per le vene varicose

Questo tipo di intervento, come altri, mira a ripristinare il normale flusso sanguigno nelle vene. Di solito non ci vogliono più di due ore per rimuovere le parti interessate.

All'inizio dell'operazione viene eseguita l'anestesia spinale. Una vena con vene varicose viene rimossa chirurgicamente con una sonda speciale attraverso incisioni fino a cinque millimetri.

Prima di allora, la vena varicosa è legata nel punto in cui si apre nella vena profonda e solo allora viene tagliata.

Miniflebectomia

Può essere considerato un analogo della flebectomia, ma viene eseguita secondo alcune specifiche.

Ad esempio, una vena viene rimossa attraverso una puntura, non un'incisione. Ciò consente una rapida fase di recupero e un elevato effetto cosmetico.

In generale, l'intera operazione è simile alla flebectomia.

Stripping atraumatico

Questa operazione è prevista per il giorno della rimozione delle vene varicose sulle gambe. Innanzitutto, una sonda viene inserita attraverso una piccola incisione nella zona inguinale.

La vena è legata, un'ulteriore incisione viene praticata sotto l'articolazione del ginocchio attraverso la quale viene rimossa la vena interessata. I suoi rami vengono rimossi attraverso altre piccole incisioni.

La principale differenza positiva di questo tipo di intervento rispetto ad altri sarà il fatto che il periodo di riabilitazione è piuttosto breve. Subito dopo, il paziente può tornare a una vita moderatamente attiva.

Eliminazione breve

Con questo tipo di intervento, viene rimossa solo una parte della vena interessata.

breve processo di strippaggio per le vene varicose

Innanzitutto, il medico determina l'area da rimuovere. Quindi vengono praticate 2 forature e rimosse attraverso di esse.

L'intervento ha un elevato effetto cosmetico.

Generalmente, è realizzato utilizzando una tecnologia simile con stripping atraumatico.

Dissezione venosa endoscopica

La procedura chirurgica viene eseguita con un endoscopio che consente di controllare i progressi.

Durante l'operazione viene praticata un'incisione nella vena varicosa interessata attraverso la quale viene inserito l'endoscopio.

Grazie a ciò, il medico monitora i suoi progressi e riduce al minimo le possibili conseguenze negative di un ordine di grandezza.

La vena viene ligata attraverso una piccola incisione che viene accuratamente misurata. Di solito non ci sono particolari difficoltà nel processo di intervento, quindi ha successo.

Le vene varicose più pericolose dell'esofago possono portare alla morte del paziente se non trattate in modo tempestivo. Scopri cosa fare prima nel nostro articolo.

Coagulazione laser endovascolare

La coagulazione laser viene eseguita utilizzando un laser sulla zona interessata. In questo caso, il lume della nave si chiude completamente e in futuro sarà completamente assorbito.

L'indicazione per questo particolare tipo di intervento è:

  • Espansione del lume nelle vene;
  • Le vene del tronco alterate patologicamente corrono diritte;
  • segni di disturbi trofici;
  • un piccolo numero di vene secondarie affette da vene varicose;
  • grandi difetti di perforazione sulla tibia.

Le vene vengono rimosse in posizione supina. Dopo aver contrassegnato l'area da rimuovere, viene inserita una guida luminosa speciale.

Segue l'anestesia tumescente e un'operazione con guida ecografica Doppler.

Ablazione ad alta frequenza

Il vantaggio di questo metodo è la possibilità di non eseguire alcuna operazione. Anche il tempo di riabilitazione è molto breve.

Durante l'operazione, un catetere ad alta frequenza viene inserito nel tronco venoso, con l'aiuto del quale viene applicata una corrente alle sue pareti. Il cilindro può essere sigillato a causa dell'elevata frequenza della corrente.

Vale la pena notare che i medici avvertono che in alcuni casi l'efficacia dell'ablazione a radiofrequenza può essere di un ordine di grandezza inferiore a quella di EVLK.

Complicazioni dopo l'operazione

Anche dopo l'operazione, le complicazioni sono improbabili, ma ancora possibili.

Il loro aspetto dipende da una serie di sintomi, dalla condizione delle vene alla capacità di guarigione della pelle.

Naturalmente, questi fattori sono puramente individuali, quindi non ha senso dire esattamente se i sintomi possono verificarsi.

Tuttavia, vale la pena evidenziare le conseguenze più comuni della rimozione chirurgica delle vene varicose:

  1. tromboembolia.Presume lo sviluppo di una trombosi negli strati profondi delle vene e la comparsa di un'infezione nei tessuti. Per evitare questo fenomeno, interrompere il riposo a letto il prima possibile e seguire attentamente tutte le raccomandazioni del medico.
  2. sanguinamento. Di solito compaiono durante il processo di medicazione e non sono pericolosi.
  3. lividi.Partiranno tra un paio di settimane.
  4. Il dolore agli artipuò durare diversi giorni.
  5. Aumento della temperatura, che è di breve durata.

Inoltre, è possibile una ricaduta della malattia, poiché l'intervento chirurgico non significa una cura per le vene varicose, ma consente solo di rimuovere le parti interessate.

La maggior parte delle possibili complicazioni sono misure temporanee. Il pericolo è solo il primo problema in quanto può portare a nuovi interventi.

Misure di riabilitazione

Durante il processo di recupero, dovrai indossare costantemente una benda elastica per alcune settimane per garantire una buona compressione, guarigione e possibili complicazioni.

Inoltre, il medico può prescrivere farmaci venotonici.

La tempistica delle misure di riabilitazione dipende dalle condizioni della pelle e dallo stadio delle lesioni delle vene varicose.

Immediatamente dopo la procedura, vale la pena stare a letto e non disturbare la gamba, ma il giorno dopo, quando il bendaggio compressivo è pronto, non solo è possibile ma anche necessario iniziare a camminare.

Si consiglia di fare esercizi di fisioterapia per eseguire massaggi nel recupero dei tessuti dopo l'intervento chirurgico.

Aumentano in modo significativo il flusso sanguigno e prevengono lo sviluppo di coaguli di sangue. L'esercizio è particolarmente importante per gli anziani in quanto rallenta il flusso sanguigno in modo significativo.

08.03.2021