gravidanza e vene varicose

Le vene varicose sono una malattia cronica delle vene superficiali degli arti inferiori. Durante la gravidanza, questa malattia progredisce a causa dei cambiamenti nel corpo della donna. Il trattamento delle donne in gravidanza viene effettuato sotto la supervisione del medico curante e del flebologo.

Vene varicose alle gambe durante la gravidanza

Cause delle vene varicose nelle donne in gravidanza

Durante la gravidanza, lo sfondo ormonale di una donna cambia, il volume del sangue nel corpo aumenta, l'utero aumenta di volume e comprime il lume della vena cava inferiore. Cosa succede al corpo:

  • il flusso sanguigno viene ridistribuito: viene creato un ciclo embrionale aggiuntivo di circolazione sanguigna;
  • aumenta il carico venoso sul letto circolatorio del bacino e degli arti inferiori, il che complica il deflusso del sangue dalle gambe al cuore;
  • il peso corporeo aumenta;
  • il volume del sangue circolante raddoppia;
  • aumenta il carico sul muscolo cardiaco;
  • aumento della coagulazione del sangue;
  • il flusso sanguigno venoso rallenta;
  • le pareti dei vasi venosi sono indebolite sotto l'influenza del progesterone;
  • aumento della pressione venosa intravascolare (soprattutto nelle gambe).

Come si sviluppano le vene varicose?

Un aumento del livello di progesterone, che è caratteristico dello sfondo ormonale della gravidanza, indebolisce il tono muscolare della parete venosa in tutto il letto vascolare del corpo. L'aumento del volume del sangue nei vasi sanguigni con pareti indebolite trabocca e li deforma. Molte donne in gravidanza sviluppano vene varicose.

Le vene varicose sono possibili anche a causa della crescita del feto e dell'utero. Quando si espandono, premono sui grandi vasi della cavità pelvica (in particolare la vena cava inferiore e la vena ovarica destra), interrompendo il deflusso del sangue venoso al cuore. La congestione venosa delle sezioni sottostanti inonda di sangue il letto vascolare e dilata le vene del bacino, dei genitali, dell'inguine e degli arti inferiori. Di conseguenza, compaiono le vene varicose del sistema superficiale. Allo stesso tempo, il sistema profondo delle vene degli arti inferiori non soffre, poiché si trovano nell'involucro muscolare.

Segni di vene varicose

Molto spesso tutto inizia con manifestazioni visive. Appaiono reti vascolari, vene reticolari. Sono presenti anche sintomi clinici: gonfiore degli arti inferiori alla fine della giornata lavorativa, sensazione di pesantezza, stanchezza e sensazione di gambe in fiamme. Alcuni pazienti soffrono di una condizione come la sindrome delle gambe senza riposo.

Nella fase avanzata, si possono osservare cambiamenti della pelle (arrossamento, indurimento, indolenzimento) con il progredire delle vene varicose. Questa condizione è chiamata tromboflebite. Possono anche unirsi cambiamenti trofici nella pelle, la formazione di ulcere trofiche sull'arto inferiore colpito.

Vene varicose della vulva e della vagina

Nell'area genitale compare un caratteristico disegno venoso. A poco a poco, le vene varicose aumentano e si gonfiano. Questo è scomodo per la donna. Se non va dal medico, le vene varicose sono accompagnate da infiammazioni, trombosi e ulcere. Le vene varicose nella vagina sono più difficili da identificare a causa della somiglianza con la normale infiammazione del sistema genito-urinario.

Sintomi:

  • Pesantezza, disagio, dolori doloranti nell'addome inferiore;
  • bruciore durante la minzione; prurito all'ingresso della vagina dopo aver svuotato la vescica;
  • dolore con movimenti intestinali;
  • Disagio e dolore durante i rapporti sessuali.

Le donne vanno dal ginecologo e si lamentano di disagio, dolore e spotting durante il sesso. Durante l'esame (esame vaginale), il medico fa una diagnosi. Fa raccomandazioni che devono essere seguite.

La diagnosi precoce previene possibili complicazioni. Utilizzando metodi di trattamento moderni per le indicazioni di emergenza, una donna incinta viene liberata dalle vene varicose vaginali molto prima del parto.

Pertanto è importante:

  • diagnosi precoce per la gravidanza;
  • tempo per il test;
  • discuti con il tuo medico di eventuali cambiamenti nelle tue condizioni, specialmente quelli dolorosi;
  • non avere rapporti sessuali, che è pericoloso per i cambiamenti varicosi nella vagina e nella vulva.

Durante il parto, le vene varicose delle vene vaginali sono complicate da traumi ai vasi modificati e si aprono emorragie venose. Questa diventa una grave complicazione nel periodo postpartum.

Se il medico ha seri motivi per evitare un tale rischio, poco prima della data prevista per il parto, la donna verrà ricoverata in ospedale e verrà eseguito un taglio cesareo pianificato.

Vene varicose degli organi pelvici: utero, vescica, retto e ano (emorroidi interne ed esterne)

Il ristagno del sangue venoso nella pelvi contribuisce all'espansione delle vene coinvolte nell'afflusso di sangue all'utero, alla vescica, al retto e all'ano.

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata a questo tipo con vene varicose esistenti degli arti inferiori. Non trascurare le informazioni della storia familiare che indicano l'ereditarietà.

Sintomi:

  • forte dolore;
  • sanguinamento, spotting dopo il sesso, sangue nelle urine, feci miste a sangue fresco;
  • vene varicose dell'utero (determinate dagli ultrasuoni);
  • emorroidi esterne ed interne (rilevate all'esame).

Se il medico curante trova vene varicose di qualsiasi localizzazione in una donna incinta, viene inviata per un consulto e registrata presso un flebologo.

Quali sono le vene varicose pericolose durante la gravidanza?

Durante la gravidanza e il parto, qualsiasi condizione patologica è pericolosa.

Rischi associati alle vene varicose durante la gravidanza:

  1. Le vene varicose sugli organi pelvici compromettono la circolazione sanguigna nel sistema "madre-feto". Con gravi violazioni del deflusso venoso, soffre il flusso sanguigno placentare, che è pericoloso per la salute e la vita del nascituro.
  2. Le vene varicose degli organi pelvici sono particolarmente pericolose. Nella tarda gravidanza, le fragili pareti delle vene malate vengono danneggiate. Si verifica sanguinamento interno o vaginale.
  3. Il rischio di sanguinamento durante il parto aumenta.
  4. Con un forte stress durante il parto, i trombi con tromboflebite di qualsiasi localizzazione possono staccarsi, aumentando il rischio di morte.

Il medico che supervisiona la gravidanza e il flebologo elaborano insieme un piano di trattamento.

Prevenzione delle vene varicose e delle loro complicanze durante la gravidanza

Raccomandazioni chiave:

  1. Contatto precoce con il ginecologo, registrazione per la gravidanza. Attuazione della consulenza di esperti. Visite regolari all'ospedale di maternità.
  2. Stile di vita sano e attivo: passeggiate all'aria aperta, pilates maternità, yoga, nuoto, acquagym. Rifiuto di saune, bagni, bagni caldi, esposizione al sole aperto.
  3. Una corretta alimentazione con abbastanza vitamine, minerali, fibre. Esclusione di cibi dolci, grassi, fritti, affumicati, farinosi, amidacei. Monitoraggio del peso corporeo.
  4. Bevi abbastanza acqua.
  5. rifiuto delle cattive abitudini.
  6. Abiti larghi realizzati con tessuti naturali. Rifiuto di scarpe col tacco e ballerine strette. Indossa scarpe comode e morbide realizzate con materiali naturali con scarpe comode e supporto per l'arco plantare.
  7. Pause durante il lavoro per riscaldarsi e camminare.
  8. Dormire sul lato sinistro, che riduce la pressione dell'utero sulla vena cava inferiore e sulla vena ovarica destra.

Ciò impedirà l'ulteriore sviluppo delle vene varicose e delle loro complicanze.

diagnosi

Con danni alle vene superficiali degli arti inferiori, vulva, ingresso nella vagina, comparsa di emorroidi esterne, non ci sono problemi con la diagnosi. Il medico lo esamina, tenendo conto dei reclami del paziente e delle informazioni generali sulla storia medica.

È più difficile rilevare le vene varicose degli organi interni della piccola pelvi: emorroidi profonde, vagina, utero e vescica. Cartello:

  • Dilatazione delle vene dell'utero, visualizzata sugli ultrasuoni.
  • emorroidi interne palpabili all'esame del dito rettale.
  • Le vene varicose vaginali vengono rilevate durante un esame vaginale.
  • Danni alla vescica quando il sangue appare nelle urine - se non ci sono altri motivi e ci sono cambiamenti nelle vene degli organi vicini.

I risultati degli esami di routine di una donna incinta, che vengono eseguiti secondo il protocollo standard per la gestione della gravidanza, sono importanti. Ad esempio, un esame delle urine che contiene sangue.

Una diminuzione dei livelli di emoglobina è spesso associata a emorragie croniche interne da vasi danneggiati. Lo zucchero elevato aumenta la suscettibilità delle pareti vascolari agli effetti dell'infezione.

Durante la gravidanza è sicuro sottoporsi a un'ecografia Doppler (USDG) dei vasi venosi.

Il metodo definisce:

  • il grado di sviluppo delle vene varicose;
  • localizzazione e grado di deformazione delle valvole venose;
  • la gravità della violazione della direzione del flusso sanguigno attraverso le vene (nella direzione opposta dal cuore in giù e ai collaterali di emergenza);
  • la presenza di alterazioni nei tessuti circostanti.

Nei casi più gravi (se vi è il sospetto di rottura spontanea dei vasi venosi interni e sanguinamento), viene eseguita la risonanza magnetica.

metodi di trattamento

Contiene:

  • indossare biancheria intima a compressione;
  • Alza una gamba;
  • immersione in acqua
  • Appuntamento di flebotonico dal 3o trimestre
  • Utilizzo delle risorse locali.

calze compressive

Indossalo tutto il giorno, toglilo di notte. Le calze comprimono stabilmente le gambe e aiutano le vene e i muscoli delle gambe a trasportare il sangue. Il rapporto di compressione dipende dal tipo e dalla marca.

alza una gamba

Se ti sdrai sulla schiena più volte al giorno e alzi le gambe, ti appoggi a un muro o alla testiera, le condizioni delle vene migliorano notevolmente. Soprattutto se lo abbini a passeggiate all'aria aperta, ginnastica per donne incinte, yoga.

immersione in acqua

Se le gambe si gonfiano, i bagni leggermente caldi con sale aiuteranno. I piedi vengono immersi in una pozza di acqua salata per 15-30 minuti. Con le emorroidi e le vene varicose della vulva, vengono anche prescritti bagni caldi sedentari con sale o una soluzione debole di permanganato di potassio.

La prevenzione delle complicanze è il metodo principale per il trattamento delle donne in gravidanza con vene varicose. In caso di complicanze, gli specialisti eseguono un trattamento adeguato alla situazione, tenendo conto delle caratteristiche individuali del paziente, dello stato di salute generale, della gravità del decorso delle vene varicose e dei rischi associati.

I metodi radicali nelle donne in gravidanza sono usati dai medici molto raramente e solo per motivi di salute (con minaccia di morte).

10.02.2022