Rimozione delle vene per le vene varicose

Rimozione delle vene per le vene varicose

La terapia conservativa aiuterà ad alleviare i sintomi delle vene varicose. Tecniche minimamente invasive, laserterapia o chirurgia classica lo elimineranno. La ricaduta dopo l'intervento chirurgico non si verificherà se ti prendi cura della prevenzione e segui il consiglio del medico.

Le vene varicose sono una patologia in cui vi è un assottigliamento delle pareti delle vene. Una malattia fastidiosa è difficile da trattare in modo conservativo. Una volta che una vena si è espansa almeno una volta, non riacquisterà mai la sua dimensione precedente. La terapia conservativa aiuta a rafforzare i vasi venosi e a inibire lo sviluppo di complicanze.

Nelle forme gravi della malattia, quando l'uso di biancheria intima a compressione, terapia alternativa e farmacologica non aiuta più, ricorrere a un trattamento radicale delle vene varicose - rimozione delle vene.

Intervento chirurgico per rimuovere le vene varicose sulle gambe

I disturbi circolatori eccessivi, la presenza di coaguli di sangue e la minaccia della loro separazione, i vasi venosi con un lume allargato e un letto tortuoso, le vene sporgenti sono indicazioni per la flebectomia (chirurgia).

tipi di operazioni

Le vene vengono rimosse utilizzando tecniche chirurgiche tradizionali o minimamente invasive.

L'operazione classica viene eseguita in anestesia generale. Durante l'operazione, il chirurgo rimuove la vena grande safena. In questo caso, il medico deve rimuovere tutti i suoi affluenti. Un'operazione eseguita in modo improprio porta a ricadute.

Per rimuovere le vene colpite, il chirurgo esegue incisioni profonde. Le cicatrici restano al loro posto. Il periodo postoperatorio è piuttosto lungo, il paziente ha bisogno di molto tempo per riprendersi.

Le tecniche minimamente invasive, anche con un'estesa rete di vene sulle gambe, consentono di cavarsela con un numero minimo di piccole incisioni. I risultati di questi trattamenti sono altrettanto efficaci di quelli della chirurgia convenzionale.

Il trattamento con metodi minimamente invasivi viene effettuato in regime ambulatoriale. Durante la procedura, il paziente non riceve l'anestesia generale (viene utilizzata l'anestesia locale o spinale). Essendo cosciente, non sente dolore e disagio, tollera facilmente la rimozione delle vene.

Grazie a piccole incisioni, all'uso di strumenti atraumatici e fili sottilissimi, le cuciture non lasciano cicatrici. Sulle gambe sono praticamente invisibili. Lo stile di vita di una persona nel periodo postoperatorio rimane lo stesso di prima dell'operazione. Può alzarsi e camminare. Dimissione il secondo giorno dopo l'operazione.

miniflebectomia

La miniflebectomia è un metodo minimamente invasivo in cui la pelle non viene tagliata, ma vengono praticate piccole forature. Questa procedura è buona perché:

  1. Sicuro e meno traumatico. Dopo la sua implementazione, non ci sono più difetti estetici. Piccole forature guariscono rapidamente senza lasciare segni.
  2. Viene eseguito in anestesia locale. Questa anestesia è sufficiente affinché il paziente non senta dolore durante la rimozione della vena.
  3. eseguita in regime ambulatoriale. Dopo la rimozione delle vene negli arti inferiori, i pazienti tornano immediatamente alle loro attività quotidiane.

endochirurgia

I medici trattano con successo le vene delle gambe con un metodo high-tech: la chirurgia endoscopica. Le vene colpite vengono rimosse con un endoscopio chirurgico. Utilizzando uno strumento ottico, è possibile separare il sito dell'incisione e l'area di rimozione della nave danneggiata.

Durante l'esecuzione della procedura, il chirurgo non taglia la pelle. Fa una piccola puntura nell'epitelio, attraverso la quale viene rimosso il vaso venoso. Durante la procedura, i tessuti molli non sono praticamente danneggiati. I pazienti lo tollerano facilmente e non rimangono a lungo in ospedale.

spogliarello corto

Con questo metodo di rimozione delle vene, l'intervento chirurgico nelle lesioni è minimo. Dopo una scansione venosa duplex, il medico rimuove solo la parte interessata della nave. I tessuti sani non sono interessati. Il chirurgo che esegue lo stripping utilizza un endoscopio. Ciò gli consente di vedere le aree interessate delle vene, di influenzare facilmente i tessuti molli adiacenti ed evitare errori.

riabilitazione

Dopo aver eseguito una flebectomia, i medici danno a ciascun paziente raccomandazioni individuali. Allo stesso tempo, tengono conto del grado di sviluppo della malattia e dell'intervento chirurgico, della presenza di complicanze, delle caratteristiche dell'età e delle condizioni generali del paziente.

Vengono prescritti farmaci appropriati per alleviare il dolore e la trombosi postoperatori. Immediatamente dopo l'operazione, il paziente viene messo su biancheria intima a compressione, che non viene rimossa per 3 giorni. In futuro, sarà indossato durante il giorno per 2 mesi.

Chiedi al tuo medico: qual è il miglior collant a compressione per le vene varicose dopo l'intervento chirurgico (i prodotti differiscono per la quantità di compressione). Ti aiuteranno a evitare le ricadute nel periodo postoperatorio.

Per evitare complicazioni, nella prima settimana e mezza, ai pazienti è vietato sottoporre a sforzi eccessivi i vasi delle gambe. Non andare in sauna e palestra, seguire corsi di educazione fisica e aerobica. I trattamenti dell'acqua iniziano dopo aver rimosso i punti, puoi andare in bicicletta 6 mesi dopo l'operazione.

In futuro, i pazienti dovranno aderire a misure precauzionali. Grazie a loro sarà possibile evitare le ricadute. Una moderata attività fisica aiuta a ripristinare il flusso sanguigno nelle vene. Si consiglia ai pazienti di fare piacevoli passeggiate, nuotare, fare massaggi leggeri ed esercizi terapeutici, allungare i piedi, fare yoga e acquagym.

Trattamento laser delle vene varicose

Per eseguire il metodo viene utilizzata una guida di luce radiale. Lo strumento viene inserito nella vena e pratica una piccola puntura nella pelle. Non appena la guida di luce raggiunge il fuoco, il laser inizia a emettere radiazione termica. Il vaso venoso sotto la sua influenza è occluso e il flusso sanguigno crolla.

La vena saldata viene sostituita con tessuto connettivo, che si dissolve gradualmente. Allo stesso tempo, la circolazione sanguigna non soffre (il sangue viene ridistribuito attraverso vasi sani). I tessuti vicini non sono carenti di nutrienti. Il flusso sanguigno appena stabilito fornisce loro una nutrizione completa.

La durata del trattamento laser è di 40 minuti. La procedura è indolore. I pazienti poi lasciano la clinica da soli. Possono arrivare immediatamente al punto che richiede la loro presenza.

Coagulazione laser endovascolare (EVLK)

La procedura viene eseguita con un esame ecografico continuo delle pareti dei vasi venosi. Sotto l'influenza della radiazione laser, il lume patologicamente ingrandito si chiude. La vena non viene rimossa, si ispessisce e dopo un po' si dissolve. Con un laser non danneggiano la pelle e non lasciano difetti estetici. EVLT è usato per il trattamento di pazienti con gravi alterazioni trofiche della pelle.

scleroterapia

Con la scleroterapia, le pareti delle vene con eccessiva espansione del lume vengono trattate con un farmaco in grado di incollare i vasi insieme. Dopo l'introduzione di un farmaco sclerosante, si verifica l'obliterazione e l'adesione delle pareti delle vene. Nessuna forma di trombosi.

La scleroterapia viene eseguita senza anestesia. Dopo di che non ci sono cicatrici e cicatrici. In un'operazione, tutte le aree colpite dalla malattia vengono rimosse.

Scleroterapia per rimuovere le vene varicose

Come curare le vene varicose senza intervento chirurgico

Per il trattamento delle vene varicose senza intervento chirurgico, vengono utilizzate scleroterapia, laser e terapia conservativa complessa, che può fermare la progressione della malattia. È impossibile curare completamente le vene varicose senza un intervento chirurgico.

Con le vene varicose precoci, il trattamento conservativo è efficace. È prescritto a pazienti per i quali l'operazione è controindicata a causa dell'età o di malattie concomitanti. Le vene varicose durante la gravidanza possono essere trattate solo in modo conservativo.

I metodi conservativi includono il trattamento delle vene varicose con sanguisughe e rimedi popolari, terapia farmacologica e compressiva, massaggi ed esercizi terapeutici, dieta.

Le vene varicose semplici vengono trattate con compressione elastica. Un bendaggio elastico viene applicato agli arti inferiori. La biancheria intima a compressione è un'ottima alternativa alle bende in questo caso. È molto più comodo da indossare. Calze, calze e collant si differenziano per la forza della compressione. La tua scelta dipende dal decorso e dallo stadio della malattia.

Le forme iniziali della malattia vengono trattate con vari preparati per vene varicose per uso locale e interno. Per eliminare le vene varicose, vengono prescritti venotonico e anticoagulanti. Grazie a loro vengono eliminati edemi, spasmi e sindromi dolorose.

Per ogni paziente, il flebologo elabora un regime di trattamento personale. Prescrive i farmaci necessari, determina il loro dosaggio e determina la durata del trattamento.

Un flebologo prescrive sia farmaci esterni per le vene varicose (gel, unguenti, creme) che compresse.

Non scoraggiarti se il chirurgo vascolare insiste sull'intervento chirurgico. Le operazioni minimamente invasive ti proteggono dalle vene varicose. Ritroverai un'andatura facile.

18.02.2022