Vene varicose: cos'è e come ci si convive?

Vene varicose sulla gamba

Le vene varicose sono una malattia molto comune e, secondo le statistiche, si verificano in più di trenta milioni di persone. Le vene varicose sono più comuni nelle donne rispetto agli uomini. Con questa malattia, l'elasticità sulle pareti dei vasi sanguigni si perde, si formano nodi sulle vene e il deflusso del sangue è disturbato.

Vene varicose: cosa fare con una tale malattia?

vene varicose alla gamba

Con l'inizio dell'estate, le persone con vene varicose dovrebbero bere più liquidi: acqua, tè, succhi di frutta. Il cibo dovrebbe essere leggero, con abbastanza fibre e meno grassi saturi. La costipazione e l'obesità dovrebbero essere prevenute.

Evita di stare seduto o in piedi per lunghi periodi di tempo e cogli ogni occasione per muovere gambe e stinchi. Sono necessari 10-15 minuti di camminata prima di coricarsi e durante il sonno e il riposo è utile alzare le gambe di circa 10-15 cm sopra il livello del torace.

Ognuno dovrebbe scegliere uno sport adatto a se stesso: camminata intensiva, corsa, aerobica, ciclismo, ballo, nuoto, evitando 10-15 ore di andare in spiaggia. Camminare nell'acqua di mare fino alla cintola fornisce un massaggio naturale ai piedi e riduce la congestione nelle vene.

I pazienti che non possono trascorrere del tempo in spiaggia possono trarre vantaggio dal lavarsi i piedi con acqua tiepida la sera prima di coricarsi. Sono utili anche bagni caldi, bagni e saune oltre alla fisioterapia calda, ma è opportuno evitare una temperatura massima di 30-31 gradi.

Prevenzione delle vene varicose

L'abbigliamento deve essere ampio e comodo, preferibilmente in colori chiari, pantaloni attillati, corsetti, calze e polsini elastici stretti sono controindicati. Anche le scarpe devono essere comode, con un'altezza del tacco da 3 a 5 cm In estate, invece, è necessario indossare speciali calze elastiche a compressione contro le vene varicose.

Devono essere indossati a colpo sicuro, anche se causano disagio ai pazienti a causa delle temperature elevate. L'assunzione di farmaci contenenti diosmina, troxerutina, estratto d'uva o di castagno riduce il gonfiore e il disagio soggettivo. L'applicazione di gel o creme per uso topico ha un effetto simile.

Sono indispensabili consultazioni regolari con il proprio medico di famiglia, ginecologo o chirurgo vascolare, soprattutto in caso di sintomi quali gonfiore, dolore o sensazione di pesantezza alle gambe o eccessiva prominenza di vene varicose superficiali.

Va notato che i mesi estivi più caldi (luglio e agosto) non sono il momento migliore per il trattamento chirurgico della malattia a causa dell'aumento della congestione venosa negli arti inferiori, nonché della necessità di indossare necessariamente una benda elastica o un calzino dopo l'intervento chirurgico (circa 30 giorni).

Trattamento delle vene varicose

Terapia iniettiva delle vene varicose

Molto spesso, le vene varicose si trasformano in una malattia che può progredire fino a stadi particolarmente gravi. Ma i pazienti, i loro parenti e i medici spesso lo sottovalutano. Dicono: "Sì, sto bene, anche mia nonna aveva le vene così. "E le persone ignorano i segni e cercano assistenza medica quando la malattia è troppo avanzata.

La malattia è entrata in stadi più gravi, ci sono già grosse vene che coprono l'intera gamba o, peggio ancora, ci sono già lesioni cutanee o flebiti. E la cosa più spiacevole è quando si verifica un danno. Molte persone sono "rassicurate" dal fattore ereditario. In generale, questo è un argomento molto interessante che è attualmente oggetto di molte ricerche.

Non è dimostrato in modo definitivo che esista un fattore ereditario, ma è evidente che è di famiglia. Quindi c'è una certa dipendenza. Se la famiglia ha una tale malattia e appare il primo disagio, dovresti consultare periodicamente un chirurgo vascolare e un oncologo per le raccomandazioni più accurate per la prevenzione.

Non aspettare che la malattia si sia sviluppata in una fase grave. Se il paziente comprende la necessità di una cura speciale delle sue vene, allora deve prendersi cura delle sue gambe nello stesso modo in cui ogni persona si prende cura del suo viso e delle sue mani.

Il consiglio numero uno per le vene varicose è di fare un po' di esercizio. Devi camminare per diversi chilometri ogni giorno. Se le persone conducono una vita sedentaria a causa del loro lavoro o del loro stile di vita, allora dovrebbe essere organizzato un movimento più grande. Le attività sportive come il nuoto e il ciclismo sono incredibilmente utili per i problemi alle vene. Assicurati di non essere in sovrappeso.

Le gambe leggermente rialzate sono una prevenzione contro le vene varicose. Le gambe riposano meglio quando sono leggermente sollevate dai glutei di 10-15 cm, il che garantisce un buon sanguinamento di ritorno.

Trattamento moderno delle vene varicose

vene varicose alla gamba

È piuttosto complicato. La prima e più importante parte del trattamento delle malattie vascolari in generale è un cambiamento nello stile di vita, l'esercizio. Al secondo posto c'è la terapia compressiva, con l'aiuto di speciali calze elastiche. Il trattamento farmacologico esiste da più di 20 anni, ci sono ottimi farmaci.

Uno di questi è un integratore di flavonoidi micronizzati che offre un ottimo assorbimento e ha un ottimo effetto. A seconda della gravità della malattia, una compressa deve essere assunta al mattino e alla sera per due o quattro mesi.

Adatto a tutti gli stadi, ma è meglio assumere uno specialista. L'automedicazione non è raccomandata. Sono operativi i seguenti metodi: radiofrequenza e ablazione laser, scleroterapia, embolizzazione delle arterie con colla medica che aiuta a fermare la malattia.

Embolizzazione delle arterie con colla medica

Trombectomia endovascolare per le vene varicose

L'embolizzazione arteriosa è uno dei più grandi progressi nel moderno trattamento delle vene varicose. Il primo passo per iniziare tale trattamento inizia con l'esame del paziente da parte di un chirurgo vascolare o di un oncologo.

Dopo un'accurata valutazione dei sintomi, viene eseguito un esame ecografico Doppler delle vene per determinare quali sezioni della vena sono suscettibili alla malattia.

Solo allora, tenendo conto delle caratteristiche anatomiche e dell'ecografia Doppler individuate durante l'esame, lo specialista può offrire al paziente il trattamento più appropriato per lui: embolizzazione (incollaggio), ablazione meccanochimica, ablazione con radiofrequenza, stripping o trattamento conservativo.

Dopo una discussione dettagliata del metodo, dei suoi vantaggi e svantaggi, nonché delle possibili complicazioni, al paziente viene assegnato un appuntamento e un trattamento. Vengono fornite informazioni sui documenti e gli studi necessari. L'embolizzazione adesiva è una tecnica estremamente innovativa e minimamente invasiva.

Si esegue sotto controllo ecografico, si applica la "colla" attraverso il catetere, che porta all'incollaggio immediato della vena. La metodica viene eseguita in anestesia locale, che viene posizionata nella zona in cui verrà inserito il catetere. Il grande vantaggio di Il metodo è la sua velocità ed efficienza, l'assenza di anestesia tumescente con un catetere, nonché la necessità di elastocompressione.

Dopo il trattamento, il paziente torna al suo solito stile di vita senza dieta e restrizioni di esercizio nello stesso giorno. Le complicazioni sono estremamente rare. Di solito non sono gravi e scompaiono dopo pochi giorni senza effetti collaterali. Alcuni dei più comuni sono l'infiammazione asettica lungo la vena senza grossi lividi.

A che età compaiono di solito i primi segni di vene varicose?

Questo è il momento dopo la seconda decade di vita. Molti giovani tra i 20 ei 25 anni hanno problemi alle vene. Ma con l'avanzare dell'età le vene compaiono sempre di più e nella sesta decade di vita molte persone soffrono di vene varicose progressive. Quindi l'età è un fattore di rischio.

Altri fattori di rischio per le vene varicose sono l'obesità, l'immobilità, lo stare seduti a lungo in un posto con le gambe abbassate. Sono a rischio anche le professioni in cui una persona sta in piedi per lungo tempo (insegnanti, dentisti, chirurghi, parrucchieri, ecc. ) perché il sangue venoso non può fluire normalmente.

Non esiste una tendenza al rialzo dimostrata nel numero di persone affette da questa malattia. Ma poiché sempre più persone parlano di questa malattia, viene rilevata prima e coloro che hanno bisogno di sbarazzarsi della malattia ricevono un trattamento di migliore qualità.

Conclusioni

Ora sappiamo che le vene varicose sono una patologia comune che spesso si sviluppa su base ereditaria, oltre che sotto forte stress. Ai primi segni, assicurati di contattare un flebologo per un consiglio. Altrimenti, la malattia può portare a complicazioni.

25.02.2022